Archivi categoria: deliri di onnipotenza

Citazione

E oggi mi sono imbattuta in queste vecchie mail.
I carteggi con i miei collaboratori dicono tanto di quel che mi piace fare e come mi piace lavorare.

—-Messaggio originale—-
Da: Lullabyyy84
Data: 07/09/2012 22.59
A: “Scenografa”
Ogg: Dimmi di si…

E’ arrivata l’ora di scriverti questa mail.
Ho aspettato di definire le cose più importanti e tra queste ci sei tu.
Ti avviso alla fine o mi sposi o mi uccidi. Adesso pensi di amarmi ma tra un po’ inizierai ad odiarmi, credimi!
Iniziamo subito la trasformazione di questi buoni sentimenti che alloggiano nella tua dolce e pacata persona.

Come non sai (ma ora te lo dice zii Lullaby) quest’anno la compagnia andrà in scena con due spettacoli:
a dicembre con una “leggerissima e allegrissima commedia di Miller”
e a marzo ci sarà il mio.

Ti starai domandando Titolo e Autore del testo…. ma queste sono cose secondarie bella mia!!! Che non lo sai?!! (già tremi)
La mia mail è un ufficiale invito a stare nella mia banda.
Teorie per convincerti?
MMMMMh
OK non ho il testo e il titolo lo sceglierò stanotte, come dico di fare da 1 settimana a questa parte,
ma ho grande idee per noi.

Partiamo dal tema (così prendi una bella botta subito e poi è tutta discesa)
L’AMORE! Non fare quella faccia. Pare che esista davvero (me l’ha detto Roberto Giacobbo) e voglio farci uno spettacolo sopra. Amore nel senso di RELAZIONI, RELASCIONSHIPZ ( gli inglesi stanno avanti coi vocaboli azzeccati per ogni cosa), INCONTRI, CASO, EPISODI, STORIE, COINCIDENZE.

Avremo un luogo fisso. Una panchina in un parco e tutto si svolgerà lì. Non so come mi è venuto, ma ho pensato che una panchina può essere in un dato parco per anni, addirittura secoli, è spettatrice muta del tempo che corre, delle persone che passano e di quello che succede lì mentre lei tiene in braccio una data persona o +! E’ su di lei che gli adolescenti scrivono romantiche frasi tipo LELLA TI LOVVO, CARMINUZZO SEI UN FIGO PAZZE§CO, GIUSY E MARY 4EVER AMICHE, IL PROF. GEDUALDI CHA ‘NA FIATELLA IN STILE MALAGROTTA. Sembra sciocco ma ormai a furia di pensarci sto seriamente pensando che le panchine abbiano un’anima. Può arrugginirsi ed essere ritinteggiata, può avere qualche pezzo rotto, ma non puo’ parlare; io voglio farlo al posto suo.

Voglio raccontare tante storie, tutte diverse (qualcuna si incrocerà), 
massimo due personaggi. Ogni volta attori diversi, 
tempi diversi, clima diverso, espedienti diversi, costumi diversi.... hai 
capito... no ancora no... ti do qualche altro istante... adesso 
cacci un urlo! 

Diciamo che vorrei la pioggia, la neve, il vento, le stagioni 
che passano ad ogni cambio scena.... ok ora sei morta! E non 
ti ho ancora detto che in una scena ho bisogno di un cappello che voli così 
dal nulla! 
Cmq non sarai sola, come ben sai ti sto comprando 
una schiava, ed ho in progetto di iniziare subito con la progettazione 
scenica e da settembre a dicembre delineare tutto il possibile e 
trovare tutti gli stategemmi che la natura o la magia ci permettono. A 
spiegartelo bene ogni lunedì o giovedì ci sarà un incontro con i 
tecnici, avremo una bella lavagna e tanti pennarelli colorati studieremo 
tutto (chiederò alla produzione un consulente esterno, vorrei 
chiamare Zeus se possibile). Avremo degli incontri fissi una volta alla 
settimana nel foyer del teatro armati di birre e bibite gassate 
gentilmente offerte dal teatro a sua insaputa. La stessa sorte 
toccherà al pacchetto autori che con lo stesso metodo dovrà 
partorire le scene.

Non voglio riempirti di particolari e mandarti in confusione, ci sono altre 
cose che ho già deciso. Ho praticamente 
pensato quasi a tutto tranne al titolo e agli attori. VA BENE!
Ho una forte ispirazione a guidarmi ed è stano da una pragmatica come me, ma 
come mi dico sempre: se da un idea ho iniziato a 
scrivere un intero taccuino ho come l'impressione che non potrò tirarmi 
indietro.
Sto raccogliendo tutto quello che mi ispira dentro questo 
album

Sono pronta ad ogni chiarimento
ma non sono pronta ad un no, sia chiaro! Altrimenti vengo 
sotto casa tua e ti canto questa canzone: http://www.youtube.com/watch?v=DHipAnCpU4Y
TI LOVVO
Lullaby

P.s.: Quando saremo famose e 
qualcuno deciderà di pubblicare i carteggi tra di noi io sarò felice di 
essere già morta almeno non avrò il problema di sapere dove 

sotterrarmi!

Sono qui anch’io. Tutta matta.
Lullabyyy84-IO³

Carteggiando con la mia scenografa

Abemus Cast

Standard

Dopo casting, provini, re call… ce l ho fatta! Sono riuscita ad ultimare il cast del mio spettacolo.

Oggi preparavo un gruppo con tutti i loro indirizzi mail per facilitarmi le comunicazioni di servizio e mi sono fermata a contemplarli. Sono belli! Mi sento un pò mamma nonostante tutto. È la prima volta che lo dico di un cast. Mi piacciono. Ho avuto qualche dubbio e ancora oggi non sono convintissima di aver fatto tutto quel che era giusto. Ma loro gli attori più bravi che per ora mi siano capitati. Una buona parte di loro pende dalle mie labbra e crede nella mia natura divina. Mmmm magari questo spettacolo riuscirà a darmi qualche grande soddisfazione. Non lo so, non sono certa di nulla, ma solo di dover arrivare al debutto con tutto pronto.

Lunedì prima lettura. Ero sola e loro tutti schierati verso di me. Non mi sono posta il problema e tanto meno preparato nulla visto che sono più di 3 mesi che io e gli altri lavoriamo a questo progetto. Ho talmente tanto di quel materiale nelle vene che potrebbe parlare anche solo il mio sangue.
La lettura è stata buona ed è culminata con l’ottimo. Non tutti hanno perfettamente capito la parte ma c’è tempo. Ognuno ha dato a suo modo, qualcuno mi ha confermato con fiducia la sua adeguatezza, altri mi hanno fatto nascere qualche dubbio controllato, si perché con il giusto lavoro tutti arrivano dove devono.
Finale a sorpresa caldo e non gelido come sono solita andar via. Appunti interessanti, domande approfondite e a qualcuno si accende una lampadina: “adesso capisco” calcolando che solitamente a me gli attori la dicono il giorno della generale, direi che siccome siamo alla prima prova siamo a cavallo. Yuppi (come qualcuno ha gioito quando gli ho dato esito positivo del provino)

Sono qui anch’io. Start.
Lullabyyy84-IO³

Ma sto mal di testa…?

Standard

ho mal di testa
penso troppo è questo il problema
ad uno spettacolo che debutterà presto
penso agli attori giusti
penso alle scene perfette
ai costumi ideali

image

alle idee originali
a lasciare spazio a tutti
a soddisfare i bisogni di tutti
unità sceniche indipendenti che però siamo legati da un filo di coerenza
mi soffermo sull’aderenza con la realtà
voglio ingannare il mio pubblico
voglio fargli capire cose, cose che fa finta di non capire
voglio un video che abbiamo ragione
voglio una cantante che canti male
voglio dei musicisti che suonino con l’anima
il testo semplice ma curato, un buon tentativo iniziale
voglio comunicare
penso a problemi logistici, di organizzazione, umani
penso al domani, al debutto agli occhi agli sguardi
penso agli addetti ai lavori che giudicheranno
cerco possibilità sbocchi aria
ricerco un futuro per me e per gli altri
le preventivo i problemi e come ho intenzione di risolverli
michele è un problema del pubblico, quanto ce ne sarà? come faccio incrementarlo?
le prove quante prove, modifiche quali modifiche, musiche quali musiche
scelgo che mi darà una mano, delego responsabilità,
immagino le luci e chi le governerà
valuto i costi Le spese
mi tengo buoni capi
do certezze navigo nel dubbio
meglio i conflitti
tengo i tempi

e ancora mi domando perchè ho mal di testa?

Sono qui anch’io. A pensare.
lullabyyy84-IO³

Groupies

Standard

Quel fascino dei musicisti: poco curati, aspetto trasandato, barba e capelli all’arricciaspiccia.
Con il loro strumento sempre appresso, come appendice del proprio es.
Un intero blocco note tempestato di problemi psicologici, umani, sociali, di relazione.
Quella faccia al “mi sento un dio dorato” quando sono sul palco.
Dozzine di sigarette fumate senza sosta.
La droga
il sesso
il rock ‘n roll.

 I musicisti
popolazione di una tribù figurata di esaltati mentali con turbe evidenti e senza marmitta catalitica per le cazzate.
La musica
mossi da un ipulsività di default, ligi all’irregolarità e all’anarchia, grassoni in un paio di jeans troppo stretti.
Il fascino
di chi vive “ad un quarto di miglio al secondo”, mai sprovvisto di adrenalina in corpo.
Libero, senza pensieri ma pieno di azioni (stupide perlopiù) vive, concrete, reali, tangibili.

Ho sempre pensato che il mio temperamento razionale e riflessivo non avrebbe mai fatto di me una vera artista, o almeno non una di quelle da film o da romanzo. Poi ho trovato la mia strada, devia dall’immaginario comune, ma ha sempre un anello nascosto di congiunzione. Quando mi capita di incontrare un mio collega “dissimile” mi fermo sempre a scrutarlo, a studiare quel mondo che sarebbe potuto essere anche il mio.

Sono ad un concerto di una band emergente, c’è una ragazza minuta, con un dolce caschetto, un vestitino aderente blu elettrico e dell all star ai piedi. E’ sotto il palco, muove la testa con grazia e va a tempo con la musica. Guarda un po’ lo spettacolo e un po’ intorno. E’ una gropies? (per quel che oggi può valere questo termine) Sul palco: cavi, strumenti, amplificatori, musica, sudore, sigarette, microfoni e i musicisti di nero vestiti, con camicelle di finta flanella, a scacchi scozzesi, pagate due lire in un negozio che ha due consonanti per logo che non ho mai capito cosa possano mai significare. Sono 4, la ragazza deve solo scegliere tra:
1-Il percursionista sudaticcio, dai biondi capelli in costante movimento, dal sorriso ammaliante e dall’ilarità da simpaticone della city-
2-Il bassista timido e riservato, che fuma sigarette fare il figo/sembrare + grande/essere accettato dagli altri. In omaggio i complessi adolescenziali non ancora risolti, lettuccio singola a casa di mamma e papà ma anche dolce e amabile cure per il prossimo.
3-Il batterista figo ma gnappo. Bravo, fantasista, un po’ inquietante nel privato. A lui piace il sangue, la morte, gli scheletri e ovviamente i film horror. Ama la musica come una suorina ama la madonna quindi come i gay amano Madonna! Il più normale del gruppo.
4-Il frontman, chitarrista e cantante, quello che in ogni gruppo acchiappa più F. degli altri. Strambo forte, dai lineamenti forti, dai disturbi forti anche della personalità. L’emblema del rock nel corpo di un ragazzino viziato e capriccioso che si fa portare ancora la colazione a letto da mamma.
Alla fine del concerto sono in pochi fuori, vicino alla porta dell’uscita artisti -una rappresentanza per genere: l’amico, il patito, 3 ragazze di cui una fidanzata di non si sa chi, un membro di un altro gruppo- si sento parole come “spacca-forte-menavi eh-senti questa-bassi” e altro ancora. Mi sento un alieno. Vecchia in un mondo che non è più il mio. Sono quasi commossa al pensiero di essere in una brutta copia di un ipotetico film alla “Almost Famous” e di occupare un qualche fotogramma di questo remake brutto in c. (si direbbe a Roma).
La mia non è ironia, sono seria e per un attimo vorrei che il mio nome fosse Penny Lane e vorrei che qualcuno si buttasse dal tetto per fare un tuffo in piscina gridando “SONO UN DIO DORATO!”

Sono qui anch’io. Groupies.
lullabyyy84-IO³

Houston abbiamo un problema

Standard

Esame istologico arrivato
ESITO: Carcinoma

Step1# : Medico Curante

Step2# : Esami sangue (TSH, FT3, FT4, TG, Calcemia totale ionizzata.

Step3# : Visita Endocrinologica di controllo

Step4# : Scintigrafia

Step5# : Visica Oncologica

Step6# : Iodioterapia

Step7# : Quarantena

Step8# : Ritorno alla vita 🙂

Schematizzare aiuta…

Sono qui anch’io. E ci resterò.
lullabyyy84-IO³

noi ci adoriamo avvicendevolmente

Standard

Amico: Cmq le foto sono fantastiche!!!  Ottima idea sicuramente tua infatti

lullabyyy: e cmq io ho dato solo ad E l’idea di fotografare

Amico: Eche non lo so sei malvagiaaaaa!!

lullabyyy: sono la figlia illegittima di Grimilde e dark vader

Amico: Meravigliosaaaa

lullabyyy84; hai sbagliato mittente!

Amico: Forse destinatario! No cmq era per te!!

lullabyyy84; già destinatario……. -.-‘ Che ti è preso sei in vena di ovvietà oggi! ahahahah

Amico: Ovviamente!! Allora che mi dici? Mi snobbi così?! Non mi rispondi piu?

lullabyyy: MMM vediamo: sabato siamo andati a festeggiare il compleanno dell S!
Ieri sono andata a mangiare al cinese e mi sento ancora male.
E stamattina mi aspetta una giornata densa di chiamate e organizzazione per lo spettacolo.
E tu? Scusa se ti costringo al confronto, ma mi pare che l’etichetta imponga che in una conversazione ci sia la reciprocità…(che idiozia)

Amico: Io vengo a vedere lo spettacolo quando poi dopo lo spettacolo possiamo mangiare insieme!

lullabyyy: lo sapevo me lo sentivo avresti citato il MANGIARE!!!!

Amico: Ecco ora andiamo d accordo!! Non posso rinunciare ad un tete a tete

lullabyyy: quali tete?

Amico: Le mie ovviamente!!

Sono qui anch’io. Ovvietosa.
lullabyyy84-IO³

Detto da una ragazza cattolica tutto ciò è scandaloso!

Standard

La mia formazione cattolica mi ha sempre inculcato l’idea che desiderare l’uomo d’altri è peccato. Nel decalogo occupa le ultime posizioni e così ho pensato e ripensato. Sarei davvero la tipa che darebbe per assodato il fatto che non sarebbe andata mai con un uomo già impegnato perché questo avrebbe creato in me un senso di colpa. Mi sono sempre detta che non porterei mai un uomo a fare qualcosa che io in prima persona, se fossi nella situazione opposta, non vorrei mai subire, un tradimento. Ma nella vita si cambia e ancor prima si incontrano tante persone diverse da noi.

Un giorno ho parlato con D. di soli 21 anni, fidanzato da 8 mesi con la sua ragazza morbosamente gelosa. Non è estraneao al tradimento, l’ha già fatto in passato e programma di farlo ancora, anzi è proprio su questo che verte la nostra conversazione. Ho sospettato che D. mi facesse delle avance, abbiamo anche una probabile intesa, ma io sono cojona e ci ripenso sempre. La mia grande paura e di sbottargli a ridere in faccia sul più bello, visto che siamo colleghi e ci vediamo abbastanza frequentemente. Ma l’esperienza mi ha tranquillizzato su questo, sono in grado di scindere le due cose e ancor di più non sono una ragazzina brufolosa che si imbarazza di rivedere il ragazzo che ha baciato dietro il muretto del cortile di scuola. Non ho mai avuto problemi di acne è forse per questo che mi ritrovo a combattere con problemi adolescenziali ancora non superati? Ma vabbè stavamo parlando d’altro. D. mi spiega che tradire è un gioco sottile, visto che è così sottile lui lo trasforma in un filo di nylon trasparente, invisibile. Ho capito che la sua è una questione di ego e che avere più partner per lui corrisponde ad una cascata di egocentricità. Come dovrei pormi davanti a lui, mi domando. La risposta esatta è NUDA! Gli uomini hanno ragione, non capisco perché bisognerebbe pensarci più di tanto. Lui vuole farlo, io non conosco lei, lui mi attizza e io attizzo lui, mi è parso di capire, allora la soluzione è prendete una macchina e fare sesso nel primo posto utile.

Poi c’è L. della mia stessa età, fidanzato con una ragazza da sposare. Mi racconta del suo passato e di come abbia tradito tutte le ragazze precedenti a questa. Confessa di aver fatto tante cazzate e di non pentirsene, la consapevolezza che oggi la persona che ha accanto è quella che vuole per la vita lo frena da ogni istinto, non ci pensa più, ammette. Parafrasando le sue parole: quando hai voglia di fare una cosa è giusto che tu la faccia, il giorno che non ne avrai più voglia sarà cambiato qualcosa ed è giusto che tu ti astenga da una pratica che può minare la tua felicità, la fiducia reciproca, il rispetto. Non sono proprio convinta di ciò, ma la grande stima e l’affetto che nutro per lui mi fanno seriamente pensare ai suoi concetti. L. è il tipo da dirmi in faccia che vorrebbe sbattermi su un qualsiasi scaffale del posto che frequentiamo insieme e che troverebbe estremamente eccitante il fatto di farmi partecipare ad un coito tra lui e la sua ragazza. Per un periodo a causa delle malelingue ho pensato seriamente di allontanarmi da lui, la gente supponeva, ironizzava, diceva cattiverie, pensavo non fosse tanto carino nei confronti della sua ragazza… Poi un giorno proprio davanti a lei lui sfodera battute oscene e a fondo sessuale a me riferite, ci facciamo due risate tutti e tre e vedo serenità negli occhi di ognuno. E’ solo un gioco o è verità? Qualunque sia la risposta il senso di tutto ciò è la trasparenza, la verità. la schiettezza. Quel riso poi parla chiaro. Ora più che mai penso spero che L. smetta di propormi dei menage a trois altrimenti finirei per accettare.

Poi c’è E. fidanzato da anni con un cesso ambulante e una donna priva di fascino intellettivo. Lui è bello, brillante, ignorante ma intelligente, spigliato, socievole, ironico, insomma s’è capito che mi piace vero?! Nonostente la grande stima che ho per lui, scaturita all’improvviso dopo una sua azione inaspettata di estremo valore, penso che non potrei avere una relazione impegnativa con lui, ma potrei passarci i giorni chiusa in casa. Beh si cavolo, mi sono ritrovata a fissare sue foto in costume, per non parlare di quelle stupide mezzi nudi da vacanza con gli amici. E’ bello, mi piace, voglio fare sesso con lui. Non abbiamo  mai parlato di tradimento ma mi capita di sentirlo apprezzare altre donne, di apprezzarle selvaggiamente, di arrivare a dire quelle cose da uomini veri… Abbiamo uno strano rapporto, da quando abbiamo iniziato ad avere più confidenza ci tocchiamo in continuazione, ci picchiamo come i bambini, ci punzecchiamo con volgarità e frasi a doppio senso, qualcuno già sospetta una nostra relazione clandestina, questo significa che potremmo averne una. Quando usciamo per le cene mi ritrovo sempre accanto a lui e a metà serata mi ritrovo sol suo braccio attorno alla mia sedia e io tendente verso lui. Inizio a pensare realtmente che la sua relazione non è un mio problema, lei è talmente morbosa da imbarazzare e stizzire pure lui. Allora visto che l’andazzo è questo perché non provarci seriamente. Ma lui come tutti i ragazzi belli che ho conosciuto mi mette in soggezione avanzare proposte, fare battute dal doppio senso palpabile, è abbastanza sveglio da mettermi in imbarazzo con una mossa e usando un solo braccio. Penso che devo rischiare la mia “dignità e pudore” è giunta l’ora. Ma perché ho parlato di E. in questo post se non conosco la sua idea precisa sul tradimento? Penso che rimedierò presto chiedendolo o mettendolo alla prova. Non mi ci fate pensare che mi si scalda il sangue e poi ho necessità di spogniarmi.

Sono qui anch’io. Una gatta cattolica in calore.
lullabyyy84-IO³

All’inferno tutte e due

Standard

lullabyyy84: E con questa cattiva azione della giornata ci meritiamo l’inferno tutte e due.

Amica: Dici che con tutto sto preavviso là sotto è possibile accedere a qualche benefit?

lullabyyy84: Beh penso di si, a cosa pensavi?

Amica: Ad un vibro massaggiatore per la schiena.

lullabyyy84: il bello di fare gli stessi peccati e che abbiamo la sicurezza che ci metteranno in due posti vicini una volta lì.

Amica: Ne sono felice anche lì mi annoierei senza ti te. Con chi chiacchiero altrimenti…?

lullabyyy84: siamo fatte per stare insieme

Amica: nella vita e nella morte

Sono qui anch’io. In buona compagnia.
lullabyyy84-IO³

Un giorno…

Standard

E un giorno le chiederà di sposarlo

magari chissà quante volte si sono detti TI AMO

lui l’avrà detto a lei? ogni volta ci crede, ogni volta ci casca,

per adesso mi diverto troppo a guardarli e a ridere di loro

della loro unione fittizia

dove lei è attaccata a lui come se fosse la sua ancora di salvezza patetica

e lui che la guarda e la bacia con la consepovelezza che non fa per lui.

Potrei scrivere una commedia dell’assurdo su questo seggetto

Beckett me la invidierebbe! Ionesco pure.

Soffrire nel nome di un qualcosa che non esiste è assai patetico

e il mio ghigno si trasforma in riso e poi in amaro e poi in sorriso

avvilita dalla relatività, dal giochi di ruoli,dai qui pro quo,

un tempo ero io al suo posto e qualcuno ha riso di me come io sto facendo con lei

per quello sorrido, per quella ironia di cui la sorte è assai celebre

e per una volta sono spettatrice beffata ma consapevole

E di patetico c’è qualcosa in tutti noi. Io, tu e lui.

Sono qui anch’io. Sentenziosa

lullabyyy84-IO³

P.S: E’ così difficile pensare che non è così brutto guardarli insieme, ma che anzi mi aiuti in qualche modo?!