Archivio mensile:marzo 2011

Ms. Snog e Ms. Snow

Standard

Dopo mesi e mesi di silenzio e altrettanti mesi e mesi di tentativi andati in fumo di organizzare un incontro finalmente Ms. Snow e Ms. Snog si incontrano come non facevano da tanto, passano l'intero viaggio in carrozza a parlare, chiarirsi e raccontarsi. E' l'ora della verità. A quanto pare Ms. Snog Mr. Slow si sono felicemente frequentati per circa due mesi. Nessuno dei due ha presentato i propri amici all'altro (sinonimo di ufficialità), ma proprio nel momento in cui uno dei due aveva rotto lo stallo per avanzare di grado tutto si è disgregato improvvisamente. E' inutile riportare le confidenze di Ms. Snog (ed è anche poco carino violare il patto di riservatezza) sarà meglio partire dalla fine, desumere e commentare i fatti. Non si vedono da dicembre: litigate, gelosie, atteggiamenti infantili hanno fatto si che la storia si dissolvesse nel nulla.
"Non ti voglio più vedere, ti cancello" (cit. Ms. Snog)
"Ma poi ti riscrivo…mi è passato" (cit. Ms. Snog)
A prescindere dai piccoli intrighi… a Ms. Snow che ascolta pare proprio che l'amica ci sia rimasta male di quella fine e che quell'uomo le piaceva veramente e nonostante le differenze lei ci credeva che potesse funzionare. Mr. Slow è un idiota ed ha rovinato tutto, troppo preso dal curare le apparenze si è poi dimostrato infantile e poco maturo. Non voleva impegnarsi più per paura  di se stesso che di altro. Ms. Snow sapeva che il caratteraccio di quell'uomo non è di facile gestione e non vede l'ora di affrontarlo face to face. Ma è proprio questo il problema di Mr. Slow è impossibile da incontrare e poco incline a tramutare in fatti le parole delle sue lettere. Lo ha fatto Ms. Snog non concedendole un confronto o un chiarimento durante la crisi e lo ha fatto in passato con Ms. Snow promettendole la luna o tirando il sasso e nascondendo non solo la mano ma tutto il suo corpo per non farsi vedere. Mr. Snow chiede anche all'amica dei chiarimenti su quegli atti mancati e di cui Mr. Slow si era lavato le mani addossando tutta la colpa alla compagna. Ms. Snog era effettivamente colpevole, ammette la colpa, ma giustifica la sua scelta e mette tutto in luce dal suo punto di vista. "Non è che non mi fidavo di te, non mi fidavo di lui. Continuo ad avere il dubbio che lui mi abbia chiesto di uscire per fare ingelosire te." Ms. Snow replica: "Non credo, anche perché inizialmente penso che neanche avesse idea di quanto potevamo essere amiche io e te. Lo ha scoperto solo dopo e se credeva che siamo le solite galline che litigano per lui è uno sciocco." Continua Ms. Snog: "Parlava di te ed è capitato, verso la fine, che lui mi dicesse di essere molto dispiaciuto di aver compromesso la vostra amicizia." Ms. Snow sorride e dice: "E' stupido, Anche se quello che tu dici fosse vero, che voleva me, è stato cmq sciocco, si è fatto scappare te che sei uguale a me e che pergiunta ne eri attratta, cosa che io, come sai non ho mai provato per lui". Morale della favola? Ms. Snog e Ms. Snow si sono guardate negli occhi e la prima ha capito che l'amica ci teneva tanto a quel ragazzo e di averle tolto una possibilità proprio quando ne aveva più bisogno e con un uomo che corrispondesse alle sue alte pretese; la seconda invece ha quantificato la forza e il trasporto dell'amica, della delusione ed ha capito anche quelle parole non dette, nascoste dietro uno sguardo muto ma che volevano urlare: "TI PREGO NON TOCCARLO, NE SAREI GELOSA!" l'aveva in volto proprio quando Ms. Snow parlava di riallacciare i rapporti con Mr. Slow…
…LA FEDELTÀ…
……LE DELUSIONI……
………L'ILLUSIONE……..
…………I DESIDERI……
…………….TUTTO QUI!

Sono qui anch'io. Amica.
Lullabyyy-I0³

Annunci