Archivio mensile:agosto 2010

Si puo’ fare

Standard

Si, si puo' fare:
rimettere su tutto lo spettacolo,
preparare due attori nuovi in 4 giorni
e in altri 4 provare tutti insime.

Si puo' fare:
se tu lo vuoi, davvero,
se questa volta vuoi divertirti anche tu,
vuoi goderti quello che hai creato tu.

Beh, si puo' fare:
chiedere una mano agli amici
e vivere tutti insieme in questa famiglia
lavorare, mangiare e bere insieme.

Forse, si puo' fare:
vivere di questo
e essere felice di quello che fai
e di come lo fai
di invitare gente a vedere
a provare
a vivere

e lasiarsi andare forse non è difficile, per una volta.

 

Sono qui anch'io. Feliz.
Lullabyyy-I0³

Annunci

Mr Slow e Ms Snow

Standard

Mr Slow quando ha saputo che Mr Coward era morto si è fatto vivo. Con la sua solita delicatezza da pachiderma si è esposto e ha fatto le sue dichiarazioni: "C'era una ragazza che mi piaceva, ma era fidanzata. Oddio questo non mi avrebbe fermato, ma conoscevo il suo ragazzo e non sono poi così stronzo quindi ho deciso di restare al mio posto". Ms Snow ha sorriso leggendo la cosa e ha pensato che quella potesse essere una delle cose belle di Mr Slow. Ma il lord non si è dimostrato tale quando si è trattato di parlare di altre Miss, ogni scusa è stata buona per far scendere al piano di sotto Madonne e Gesù bambini o per sputare foglie di carciafo. Ms Snow si è domandata perchè quest'uomo le piaccia così tanto anche se lei stessa al momento ne risulta disgustata. Da una parte spera che Mr Slow si nascondi dietro un'apparenza superficiale ma infondo sia un uomo gentile e premuroso. Dall'altra ha paura che sia quello che sembra e si domanda come potrebbe sopportarlo. La lady apprezza tanto la sincerità e la chiarezza: "Meglio uno stronzo dichiarato che uno che si maschera da bravo ragazzo e poi ti molla la sola", Ms Snow si sta lasciando influenzare dal linguaggio di Mr Slow a quanto pare, "Ma per quale motivo mi starebbe corteggiando in questo modo barbaro, che vantaggio ne potrebbe ricavare se non un sicuro due di picche". Ma poi si scopre che Mr Slow ha sempre avuto fortuna con questo atteggiamento, quantificato, il numero si aggirerebbe intorno al 15. "Bene!" esclama Ms Snow e si pianta la testa tra le mani, non ha idea di cosa pensare, se in bene o in male. Lui ha dichiarato che tornerà in anticipo dalla sua spedizione, i sei mesi saranno dimezzati e allo scadere del tempo sarà di ritorno. Richiede una compagnia femminile, magari un'amica di Ms Snow per quel giorno. La lady si mette subito alla ricerca per stare al gioco e Mr Slow fa il prezioso dai gusti complicati. "Quando torno." si è chiusa così la loro conversazione durata parecchie ore. La cosa più bella che ha detto la signora? Ah si: "Non posso dirti chi è altrimenti poi che ti racconto domani?!" è un modo per non perderlo e per poterlo sentire ogni giorno, da quando ha saputo che tornerà è ancora più felice. Chissà quale finale avrà questa storia.

Sono qui anch'io. Fabulosa.
Lullabyyy-I0³

A little help from my friends

Standard


Ci pensavo da un po', a quanto sia superficiale la mia vita qui,
ho una nuova "famiglia" ma vivo dei rapporti d'amicizia assai disimpegnati.

Non è da me. Io che nel mio mp3 ho la canzone "L'amico è",
che vivo per essere la migliore amica di chi se lo merita veramente
senza sbagliare (quasi mai) neanche una mossa.
Odio l'intero genere umano ma mi  sacrificherei per gli amici.

Mi confido ancora con pochi di loro e quello che dico non è mai molto importante,
preferisco conversare con sorella C. e fratello M., con loro posso davvero dire tutto
ma le nostre frequentazioni sono diventate sporadiche
e nel momento del bisogno sono sempre troppo lontani.

Per non parlare del best best friend, che se ricorda il mio compleanno è un miracolo,
che continuo a capire con una sola occhiata…ma lui il potere su di me l'ha perso da ormai troppo tempo,
è ancora preso da sè e la sua non curanza oggi inizia a pesare,
ormai non è in grado di aiutarmi neanche quando glielo chiedo esplicitamente.
Che delusione!

Che fare quindi? Forse è ora di gratificare le persone che quotidianamente mi sostengono e mi stanno vicine.
Allora decido di parlare, di dire e raccontare a quella che del gruppo mi sta più vicina,
eh… eh… ed è una conversazione quasi atipica per me, poca attenzione e tante risposte,
ma io cercavo semplicemente qualcuno che mi ascoltasse con attenzione
e non che a mezza frase mi interrompa per dire sempre la sua.

Avevo dimenticato di quanto sia rara la capacità di ascoltare e di entrare in empatia,
quindi poche soddisfazioni mi ha dato questa nuova mia trovata.
Ma passa un giorno e con mio stupore sento la necessità di raccontare un episodio
e poi si chiacchiera e ci si ride sopra.
E il giorno dopo ancora un'altra cosa da dire: un altro confronto e tante risate per sublimarla.

Penso di aver capito che esiste una necessità per me,
che è quella di confidarsi quotidianamente con qualcuno.
Prima c'era il mio ragazzo ad ascoltarmi e adesso no
ho bisogno di un degno sostituto che mi ascolti anche quando delusa parlo dell'ex.
Forse l'ho trovata! E già mi sento meno superficiale.

E la vita ti sorride davvero dopo, con dei denti bianchi smaltati e ipnotici.

 

Sono qui anch'io. Serenella.
Lullabyyy-I0³

Il sesso riappacificatore è una delle meraviglie del mondo

Standard

Indifferenza | in macchina | passiva
incazzato | a tavola | sfrontata
imbarazzato | in corridoio | affettuosa
vero | sul divano | vera
avvinghiati diventiamo come al solito quei vecchi confidenti che siamo sempre stati
parliamo di quello che è successo, dello scazzo, lottiamo alla pari e termina l'incontro.

"Imbarazzo? Ma perché mai? Ah giusto, ora c'è lei…ma possiamo stare così o non si può?
No vabè, non facciamo niente di male e poi non essendoci niente in realtà non ci sono vincoli".

E parliamo come ai vecchi tempi, forse anche di più. Sincerità al 100% quando sul tuo petto c'è la mia guancia.
Si rispettano i flussi di coscienza, si chiacchiera, si analizza e si chiarisce.

E' il tempo di una sigaretta per te, ma non per me.
E' il tempo che ti stia lontano, ma non per te.
E' il tempo per un caffè? Si per me e si anche per te.
Ritroviamo la nostra vecchia e amata simbiosi che pensavo avessimo perduto.
E' tempo di un sigarillo? Si per te e si anche per me.

Ho sonno! Dai andiamo a riposare.
(non credo avessimo preventivato nulla)
Abbracciati e con le mani nelle mani, rilassati.
Le nostre mani hanno dato il via ad un bolero,
una danza di carezze e intrecci a noi non sconosciuta,
lenta e graduale, lenta e graduale, lenta e graduale,
all'unisono con il desiderio

e poi una carezza
e poi un bacio
e poi una carezza e un altro bacio
e poi, e poi, e poi….

Ah si, lo facciamo, allora via da questo letto,
venghino sedie, muri, cornici e pavimenti

(aggiungerei anche specchi e cartine)
e c'è una prima e una seconda volta
e siamo talmente persi da sembrare sotto effetto di stupefacenti
ogni desiderio è una realtà
tu sei più sicuro, come ho sempre voluto che fosse

(come se mi avessi letteralmente letto nel pensiero)
e io sono più di quello che hai sempre avuto.

Perché le cose funzionano quando è tutto finito?
Si riparla dei problemi del nostro rapporto
e scopro che non sono stata l'unica a pensare di riprovarci
ma non si può, ora no, per un elenco di motivi:
1)….
2)….
3)….
ad uno, ad uno elencati da entrambi,
per farci forza e non ricascarci
per farcene una ragione e allontanarci
per fare spazio a qualcun'altro che potrebbe arrivare o è già nei paraggi.

Si ma ricordi come era…

Ah e quella volta che…

Ricordi su ricordi che riaccendono un istinto
un secondo, meglio del primo, più intenso e senza freni
e per la prima volta vengono fuori i veri desideri
e non blande fantasie, capaci di sentirsi e di trovarsi
ancora insieme e legati da qualcosa che
non abbiamo mai veramente capito cosa fosse.


Io dico ancora, ora, domani tra una settimana quando ci va.
Lui dice che è meglio di no: per l'effetto che fa, per lui, per me e per quell'altra.

Non credo che questa storia oggi possa rinascere,

forse domani, quando entrambi avremo recuperato qualcosa che ci manca oggi, tasselli di vita non vissuta

forse un giorno ci ritroveremo, come oggi.

Soffro a sapere che sia l'ultima e che non ci sarà più

rispetterò la tua scelta, lo sai, ma mi peserà

torno a casa sorridente e soddisfatta di poter sfatare un mito

e di averne un'altro in testa

se cambierai e mi verrai incontro penso che non potrà minarci più nulla

e allora protremmo di nuovo dire MA CHI CI AMMAZZA A NOI?

 

Quelle mani che ci hanno uniti, inconsapevoli, la prima volta
con la stessa foga si riattorcigliano per paura di perdersi
e di non rivedersi mai più, parlano ancora da sole
e dicono quello che la mente non capisce e solo loro sanno
si amano ancora
ma oggi sono libere
e soprattutto lontane

sento sopra ancora il tuo odore
lo annuso in continuazione
spero che mi accompagni fino a domani
e poi svanisca, via.

Ti amo-

Addio

 

Sono qui anch'io. Tra le nuvole del cielo.
Lullabyyy-I0³

Cambiamo atteggiamento

Standard

E sono sempre i freintendimenti a rovinare tutto,

ho sempre mediato, prima di potermi arrabbiare,

con sangue freddo e grande raziocinio

ho tentato sempre di evitare le catastrofi per un banale nulla.

Eeeh…………………ma mo' me so' rotta,

e sti ca' se sembro una pazza isterica,

faccio il muso duro e parlo ai traditori

ai sola e alle solette.

Se mi fai credere una cosa io poi la voglio!

Rimanere con un pugno di mosche mi fa arrabbiare

smetto di fare la splendida e la pacifista

e scendo in campo con un coltello.

Si spera che si discuta

che ci si sfoghi

perchè dietro queste piccole sciocchezze

c'è tanta rabbia non epressa

che ti tocca sorbirti

perché tu ne sei la causa.

E sale ancora una volta la rabbia

chissà quando la smaltirò tutta?

Sono qui anch'io. Rosicona.
Lullabyyy-I0³